browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

La Storia

STORIA DI UN PAESE TRA VALDICHIANA, VALDAMBRA E MAREMMA

Ciggiano – Il Luogo

Sul vasto scenario della Valdichiana, nella parte Nord-Occidentale, domina dall’alto di una collina di oltre 500 metri il Castello di Civitella, che con la sua torre imponente e sbrecciata caratterizza la linea orizzontale.

Nelle pendici di questo massiccio collinare, in direzione di mezzogiorno, si affaccia il borgo fortificato di Oliveto, con la Villa Barbolani-Mazzi in bella vista; e sopra un ultimo rilievo prima della pianura sorge il paese di Ciggiano.

Il colle di Ciggiano è alto 359 metri e separa le strette e fertili vallate del Gargaiolo e dell’Esse. Siamo in uno dei termini del Comune di Civitella; il torrente Esse infatti segna il confine con Monte San Savino.

La parte più antica dell’abitato di Ciggiano occupa la cima del colle ed è ancora in parte circondata da mura. Piazza Alta costituisce il cuore del piccolo centro storico. A ridosso del Castello medievale si è sviluppato in borgo moderno, che si estende fino alla piana sottostante tramite la via della Colombaia.

Collocato in questo remoto angolo della Valdichiana, Ciggiano è oggi un paese tranquillo, immerso nel verde di boschi, vigne e oliveti, lontano dalle grandi vie di comunicazione. Nei secoli passati invece è stato un importante centro viario: di qui transitava la principale strada tra Arezzo e Siena, che poco oltre,nella valle dell’Esse, incrociava una via Consolare da Roma a Firenze, diramazione della Cassia.

Proprio questa strategica posizione, sotto i valichi di Palazzuolo e S.Pancrazio, ha fatto di Ciggiano un importante insediamento in epoca Romana e un forte Castello in epoca medievale. Gli statuti di dogana della Repubblica Fiorentina del 1461 lo indicano come tappa obbligatoria per i mercanti diretti da Est a Siena e da Sud a Firenze.

Anche molti eserciti sono transitati per questo territorio; il paese è stato più volte espugnato e saccheggiato.

Più pacifico il passaggio dei pastori che dall’Appennino si recavano in Maremma con i loro greggi; Ciggiano era sosta obbligatoria, perché qui si faceva “la calla”, cioè la conta degli animali e si pagava la gabella. La transumanza era praticata fin dall’età del bronzo, da noi circa 1500 anni avanti Cristo; e poiché i percorsi erano sempre gli stessi, “ su le vestigia degli antichi padri “, la via maremmana di Ciggiano è certamente una delle strade più antiche di tutto il territorio Aretino.

In epoca recente (1954-1959) il progetto iniziale dell’Autostrada prevedeva il passaggio di questa dalla valle dell’Esse. Era la linea più diretta tra Valdichiana e Valdarno, tra Roma e Firenze, come già gli antichi romani avevano indicato con la via consolare a cui abbiamo fatto cenno.

Nel progetto dell’Autosole l’uscita per Arezzo era prevista a Ciggiano e la via vecchia senese avrebbe costituito il raccordo con il capoluogo.

Ciggiano sarebbe ritornato ad essere uno snodo viario di primaria importanza.

Le cose sono andate diversamente; con un leggero allungamento del percorso autostradale, il casello di Arezzo è stato avvicinato alla città e posizionato tra Viciomaggio e Battifolle (1961-1964).

E così Ciggiano è rimasto un tranquillo ciuffo di case, tra il verde della campagna e l’azzurro del cielo.

 Tratto da:

Ciggiano” Storia di un paese tra Valdichiana, Valdambra e Maremma

Scritto da:

Antonio Bacci

Edizioni:

C&M”



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>